La Tailandia e nuovi accordi commerciali con il Regno Unito

La Tailandia e nuovi accordi commerciali con il Regno Unito

La Brexit potrebbe aprire la strada a un accordo di libero scambio tra Thailandia e Regno Unito, afferma Auramon Supthaweethum, direttore generale del Dipartimento di negoziazione commerciale.

Il Regno Unito si è ritirato ufficialmente dall’Unione europea alle 23:00 di venerdì, sebbene la transizione continuerà in aree tra cui commercio e sicurezza nei prossimi 11 mesi.

Auramon ha segnalato in un comunicato ai media che la Brexit non avrà un effetto significativo sulla Tailandia se non per una lieve volatilità attesa della sterlina. Il commercio bilaterale tra Regno Unito e Tailandia continuerà come al solito secondo le stesse normative almeno fino alla fine dell’anno.

Ha anche affermato che il dipartimento esaminerà attentamente gli sviluppi per vedere se potrebbero portare nuove opportunità commerciali per la Thailandia e le agenzie collegate al commercio internazionale si prepareranno di conseguenza.

Una conseguenza diretta della Brexit sulla Tailandia sarà che l’UE e il Regno Unito rivedranno i propri obblighi in materia di contingenti tariffari nel quadro dell’Organizzazione mondiale del commercio.

La revisione toccherà 31 articoli tra cui tapioca, manioca, riso, pollame e pesce in scatola, per i quali la Thailandia ha ricevuto quote commerciali dall’UE. Le quote saranno riviste alla luce del ritiro della Gran Bretagna dall’UE.

Il governo lavorerà per garantire che le quote rivedute delle materie prime chiave per le esportazioni thailandesi non diminuiranno dopo la Brexit, hanno affermato dal dipartimento.

Il Regno Unito è il 21 ° partner commerciale della Thailandia ed è stato il secondo più grande dell’UE dopo la Germania.

Lo scorso anno i volumi commerciali tra Thailandia e Regno Unito sono ammontati a $ 6,2 miliardi (190 miliardi di baht), con un surplus commerciale della Thailandia di $ 1,4 miliardi.

La Thailandia esporta principalmente pollame, automobili, circuiti elettrici e gioielli nel Regno Unito.

Le importazioni dal Regno Unito includono macchinari, bevande, parti di circuiti elettrici e prodotti farmaceutici.

Auramon ha dichiarato che è essenziale mantenere legami tra Thailandia e Regno Unito e il suo dipartimento sta studiando politiche per rimuovere eventuali ostacoli al commercio bilaterale. Il dipartimento sta organizzando un forum per il brainstorming sulle questioni commerciali derivanti dalla Brexit il 7 e 13 febbraio.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *